CERCA STRUTTURA:
Tipologia struttura:
Comune:
Categoria:
Nome Struttura:

ITINERARIO LATINA-CAPOPORTIERE-LAGO DI FOGLIANO-LAGO DI CAPROLACE-LAGO DI PAOLA-S.FELICE CIRCEO-FONTE DI LUCULLO-SABAUDIA-LATINA
Torna all'elenco



(Lunghezza: 70 km. circa all’interno dei diversi ambienti del Parco Nazionale del Circeo). Da Latina si raggiunge in circa 6 km il mare in località Capoportiere; da qui si prosegue lungo la strada costiera in direzione sud, entrando nel territorio del PARCO NAZIONALE DEL CIRCEO. Due ambienti naturalistici caratterizzano il primo tratto del percorso: la duna litoranea e il lago costiero di Fogliano. Il parco, con Villa Fogliano, è raggiungibile dalla via del mare all’incrocio con la Litoranea, e costituisce un ambiente di grande bellezza e serenità. La lungomare costeggia altri tre laghi (dei Monaci, di Caprolace e di Paola o Sabaudia), che, insieme a quello di Fogliano, sono importanti punti di sosta per l’avifauna migratoria. E’ da osservare che in località Rio Martino occorre tornare all’interno perché la lungomare, interrotta dal canale, è poi chiusa alle auto per circa 3 km, percorribili a piedi come straordinario esempio di rinaturalizzazione dunale. Da Borgo Grappa si prosegue lungo la Litoranea per circa 2 km., fino ad incontrare un bivio sulla destra che riporta sulla lungomare. Si fiancheggia sulla sinistra il lago di Caprolace e, quindi, il Lago di Paola, fino a giungere ai piedi del versante settentrionale del Promontorio del Circeo, il Quarto Freddo ricoperto da un fitto bosco mediterraneo. Di notevole interesse storico-architettonico la cinquecentesca Torre Paola, eretta a difesa del sottostante porto-canale che, costruito in epoca romana, mette in comunicazione il lago di Paola con il mare. Da Torre Paola, dopo circa 4 km., una strada a tornanti sale a SAN FELICE CIRCEO (m.98), città dalle antiche origini e rinomata località turistica balneare, legata al mito del peregrinare di Ulisse che qui sbarcò attirato dalla Maga Circe. Attraverso una porta ad arco si accede al centro storico, con la Torre dei Templari (XIII sec.) e il Palazzo baronale (oggi sede del Municipio, che ospita la Mostra Permanente Homo Sapiens e Habitat), le stradine con negozi, bar, boutiques. Da qui si dipartono tre strade: quella per le Crocette, che conduce fino all’Acropoli di Circeji; la strada del Faro, a mezza costa del versante meridionale di Quarto Caldo, che offre la visione di splendidi panorami verso le Isole Pontine; la terza conduce verso la parte balneare e Terracina. Qui, nel giardino dell’Albergo Neanderthal, si trova la Grotta Guattàri (visite da concordare), dove fu rinvenuto, tra l’altro, il cranio di un uomo vissuto circa 50 mila anni fa. Il periplo in barca offre lo spettacolo di numerose grotte che hanno ospitato l’uomo preistorico, tra cui la Grotta delle Capre, visitabile con accompagnatori. Tra gli edifici religiosi, da ricordare la Chiesa di S. Maria degli Angeli che è anche Santuario della Sindone, in quanto custodisce una delle sei riproduzioni autentiche del sudario conservato nel Duomo di Torino. Una tappa sottomarina è quella alla Statua del Cristo del Circeo, deposta a circa un miglio dalla costa alla profondità di 18 metri. Lasciata S.Felice Circeo, percorrendo la strada Litoranea, e seguendo indicazioni verso l’interno, si giunge alla Fonte di Lucullo, sorgente di acqua oligominerale che sgorga nel mezzo di un bosco, in una grotta romana; e, più avanti, la località Palazzo dove, con accompagnamento (chiedere al Parco Nazionale del Circeo), si può visitare la Villa di Domiziano, splendido esempio di villa litoranea imperiale. Ci si trova già in un settore della Foresta di Circe, nel Parco Nazionale del Circeo, visitabile liberamente, con esclusione di poche zone. Proseguendo si giunge a SABAUDIA, ricercata località balneare. All’ingresso della città si trova il Centro Visitatori del Parco, con un museo rappresentativo dei vari aspetti del Parco, percorsi didattici e informazioni e, in località Lestra Cocuzza, il Centro di Documentazione della Scuola e della Sanità nella Palude “Claudia Ortese”. La città, inaugurata nel 1935, presenta intatto l’impianto urbanistico tipico delle città di fondazione, che le ha dato la fama di “città del Razionalismo” architettonico: il Municipio con la torre, la ex casa del fascio, l’albergo, la ex Caserma della Milizia, l’Ufficio postale, l’Opera Maternità e Infanzia, il cinema, la caserma Piave della Marina Militare, ecc. Tra gli edifici religiosi meritano di essere ricordati la Chiesa dell’Annunziata al cui interno si trova la Cappella Reale, donata dalla Regina Margherita, e il Santuario della Sorresca che sorge su una penisoletta del lago. Da visitare, inoltre, il Museo Civico del Mare e della Costa “Marcello Zei”, il Museo Emilio Greco e la Mostra Permanente delle Decorazioni de La Divina Commedia. Prima di tornare a Latina, si consiglia di fare una sosta sul Ponte Giovanni XXIII, che attraversa il Lago di Sabaudia, per godere il suggestivo spettacolo del Promontorio del Circeo


(Bruno Maragoni - maragoni@latinaturismo.it)




Informazioni ed Assistenza al Turista della Provincia di Latina
Piazza del popolo n. 16 04100 Latina Telefono 0773.480672 Fax 0773.484502
Email: latinaturismo@tin.it
powered by iper.net

CSS Valido!